Christiane Lecocq l'attivista nell'ombra - 2019

Christiane Lecocq
l'attivista nell'ombra-2019
Dal 1932 la vita di Christiane Lecocq era strettamente legata a quella di Albert Lecocq. Infatti fu nel 1932 quando Christiane "iniziò" con il naturismo. In modo molto fortuito e ingenuo. Christiane, 23 anni, nata il 6 aprile 1911 a Tourcoing come ragazza del Nord, ama ballare e andare nelle sale da ballo. Invitata da sua cugina a passare un sabato sera in quella che oggi chiameremmo una "discoteca", le due giovani donne condividono un tavolo con una coppia, che durante la serata le invita a unirsi alla domenica successiva per fare sport al "Club Gymnique du Nord", situato al "Fort de Seclin", vicino a Lille.
A quei tempi le attività sportive e le gite in campagna sono riservate ai ricchi. Quando arrivano al forte il giorno dopo le due ragazze non credono ai loro occhi: tutti fanno sport completamente nudi! Christiane e sua cugina non perdono la calma e fanno lo stesso di tutte le altre persone. "Per me è stato facile", Christiane dirà più tardi, "Non avevo molto, solo un piccolo vestito e mutandine e amo gli sport!" È qui che Christiane incontra Albert Lecocq, durante questi giorni di giornate sportive naturiste. Il visionario umanista di Arras, che ha già stabilito legami con Marcel Kienné de Mongeot per 3 anni, ha creato questo club a Lille un anno fa. Albert e Christiane la scintilla tra loro scatta nel momento in cui si incontrano. Lei si unisce al club. Con il risultato che riceve la rivista naturista a casa dei suoi genitori. Sua madre è indignata: "Questi sono tutti peccati!". Suo padre, dopo aver dato un'occhiata al giornale, pensa che sia abbastanza buono! Detto questo, Christiane diventa naturista con la benedizione paterna! Christiane e Albert iniziano entrambi un tour delle città in cui Albert cerca di creare dei club. È così che nel 1933 creano il CNGN (Club Naturiste et Gymnique de Normandie-Naturist e Gymnastic Club of Normandy).
Nell'ottobre dello stesso anno Christiane e Albert uniscono definitivamente i loro destini. Si sposano il 28 ottobre 1933.
Nel 1936, il "Front Populaire" (fronte popolare), con le sue riforme sociali e l'entusiasmo per la vita all'aria aperta, ispira i due sposi, che vedono le basi di un "naturismo popolare", riprendendo i principi di rigenerazione del Kienné de Mongeot, basato sulle leggi naturali dei dottori André e Gaston Durville, fondatori della "Città di Héliopolis" sull'isola "Île du Levant" nel 1931. In quello stesso anno (1936) Léo Lagrange, a quel tempo Primo Assistente Segretario per la gioventù e il tempo libero, vede il riconoscimento ufficiale del naturismo come un'utilità popolare. Ma la Seconda Guerra Mondiale inizia a sconvolgere l'entusiasmo dei due giovani.
Tuttavia, la loro passione per lo sviluppo di una famiglia e del naturismo popolare rimane la più forte. Durante l'occupazione, Albert Lecocq pubblica il suo famoso "Manifesto", che più di 70 anni dopo rimane un documento di riferimento. Sulla scia di questo manifesto, che definisce il modo in cui il naturismo si svilupperà, Christiane e Albert creano clandestinamente il primo "Club du Soleil" nel 1944.
Nel 1945 si trasferiscono a Carrières-sur-Seine e creano il Club de Soleil di Carrières, che diventa il luogo chiave per incontri ed eventi nazionali e internazionali, che segnerà profondamente il movimento naturista globale. Nel 1949, al fine di fornire al movimento naturista un mezzo di diffusione dei suoi obiettivi, i Lecocq creano la rivista informativa destinata al grande pubblico "La Vie au Soleil". Per 65 anni questa rivista è l'organizzazione emblematica del movimento naturista.
L'anno 1950 costituisce un perno storico dell'azione di Christiane e Albert. Gli eventi si susseguono ad un ritmo incredibile: il 19 febbraio Christiane e Albert fondano la "Fédération française de Naturisme" (Federazione francese naturista) e stabiliscono i concetti di naturismo, i suoi obiettivi, le sue regole di condotta e i suoi statuti. L'unità è eretta in un principio fondamentale, tutti i club si raggruppano all'interno di una stessa federazione. Ansiosi di trovare un'area in cui creare un club vicino al mare nel sud, i Lecocq sollecitano molti dei loro amici a trovare questa perla rara. È un bagnino naturista, il signor Poulain, che parla di Montalivet che visita regolarmente. Un amico ferroviario che poteva trasferirsi a costo zero, fu incaricato di ispezionare il posto e tornò immediatamente. Quando Christiane e Albert arrivano a Montalivet, trovano un luogo devastato dagli incendi boschivi.
"Era una discarica persa! Dovevi essere pazzo per scegliere questo posto ", dirà Christiane più tardi. Comunque, decidono di creare un sito naturista in questo luogo, nonostante molte riserve percepite nel comune. Con il gentile aiuto del segretario generale dell'Amministrazione comunale di Vendays-Montalivet, André Lambert e il Club du Soleil de Bordeaux, il primo "Centro Naturista Hélio-Marin" apre i battenti il 23 luglio 1950. Modestamente, con tre o quattro bungalow e con comfort più che rustici. Nel 1953 Christiane e Albert fondarono la Federazione naturista internazionale a Montalivet, quindi raggrupparono sotto un'unica bandiera le federazioni, che si sono sviluppate in diversi paesi europei. L'anno seguente creano "Socnat" (Société de financement des centre de nature - Società di finanziamento del centro naturalistico), destinata a garantire lo sviluppo economico dei centri naturisti.
Nel 1957 la coppia crea "Arena" per collegare arte e naturismo. Nel 1961 i Lecocq creano il primo centro naturista dell '"Ile de France": "Héliomonde" a Saint-Chéron nel "Département de l'Essonne", nella vecchia cava di arenaria da cui sono stati estratti i marciapiedi di Parigi. I membri della squadra di pallavolo francese si allenano lì, sotto la guida di Christiane Lecocq, che pratica la pallavolo competitiva. A quel tempo lo sport nella nudità occupa un posto importante. La "Cortey Cup" invia i migliori club ai tornei per le riunioni in Francia e all'estero (nuoto, tiro con l'arco, ping-pong, pallavolo). Christiane e Albert, percependo l'interesse dei navigatori per il naturismo, creano "Nauténa" nel 1964 (Nautisme et Naturisme- Boating and Naturism).
Nello stesso anno hanno anche trovato la "Sports Naturist Union". La coppia potrebbe fermarsi lì e godersi il successo dello sviluppo dell'ideale naturista. Ma questo non conta sulla loro determinazione. Nel 1967 stabiliscono un piano di sviluppo naturista che mira a trasformare una società chiusa in un movimento dinamico, integrato e socialmente accettato. Albert Lecocq non vedrà i risultati completi del lavoro, che ha costruito con sua moglie Christiane. Muore il 31 ottobre 1969 a Carrières Sur Seine.
Christiane "prenderà il testimone", cioè la direzione della rivista "La Vie au Soleil" e rimarrà attenta agli orientamenti della Federazione, di cui è diventata presidente onorario. A proposito, da quella data Christiane non ha mai perso un Congresso o un'Assemblea Generale. Le sue convinzioni sono rimaste intatte, così come il suo entusiasmo. Christiane era anche inesauribile su quell'argomento! Quando durante la celebrazione del suo centenario Christiane guardò a questo secolo che era appena passato, notò certamente evoluzioni nella filosofia naturista che lei e suo marito Albert cercarono di sviluppare.
Ma il risultato è lì: se oggi la Francia è la prima destinazione naturista in tutto il mondo, con 3,5 milioni di praticanti, di cui oltre 1,5 milioni di francesi, non poteva negare che questo fosse grazie a lei! Christiane Lecocq, che fondò la Federazione francese del Naturismo insieme a suo marito 65 anni fa, morì il 24 dicembre 2014 all'età di 103 anni. Fu sepolta nel cimitero di Carrieres-sur-Seine, dove riposa il marito.

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetta