Articoli on line 1999


Nudità e Naturismo 1999

Francis Schelstraete si esprime in maniera pregnante, concisa e assiomatica, sulla rivista -Le nouveau naturiste- del febbraio I 992, sui rapporti, o meglio, sull'identificazione di nudità e naturismo. Le sue riflessioni dovrebbero essere affisse all'ingresso di ogni istituzione naturista. Premettiamo che Francis Schelstraete è anche l'autore del testo francese della Federazione Naturista Internazionale: -Le naturisme est une manière de vivre en harmonie avec la nature, caractérisé par une pratique de la nudité en commune et qui a pour but de favoriser le respect de soi-meme, le respect des autres et celui de l'environnement-: ossia: Il naturismo è un modo di vivere in armonica con la natura caratterizzato dalla pratica della nudità in comune che ha lo scopo di favorire il rispetto di se stessi, degli altri e dell'ambiente: Lo stesso Schelstraete peraltro precisa che il concetto di naturismo non può essere ristretto in una definizione, tuttavia ci sono principi che non possono essere elusi. Le sue riflessioni dovrebbero essere affisse all'ingresso di ogni istituzione naturista. Premettiamo che Francis Schelstraete è anche l'autore del testo francese della Federazione Naturista …....

Naturismo: luogo di incontro di varie culture 1999

Vorrei anch'io intervenire nel dibattito in corso che ha suscitato tante polemiche e che affronta il tema, molto delicato, delle relazioni che intercorrono tra naturismo e certi comportamenti sessuali. Secondo me il naturismo va visto come un luogo in cui si incontrano persone con storie e culture molto differenti. Chi aderisce a un'associazione naturista accetta quei princìpi contenuti nello statuto, che diventano da quel momento il denominatore comune di milioni di altre persone nel mondo le quali, su quegli argomenti, la pensano allo stesso modo. Questa è la grande forza e ricchezza del naturismo. Persone appartenenti ad areè geografiche molto lontane (dai Paesi in via di sviluppo alla ricca America del nord o all'antica e colta Europa), con stili di vita diversi e appartenenti a rcligieni diverse, si mettono insieme per lanciare al mondo il messaggio naturista: la nudità come modo per ritrovare l' ancestrale libertà, il benessere e la comunione con la natura ma anche come simbolo. Infatti ci si spoglia anche da quei condizionamenti sempre più forti e complessi a cui ci ha abituato la società moderna (consumismo, degrado ambientale ecc.) che ci allontanano sempre più da noi …....

la vera storia di Cap d'Agde 1999

Molto tempo fa, esisteva una volta una famiglia di contadini viticoltori in riva al mare, ad Agde : poveri -marinanti- come si diceva ancora a Chioggia. Accettavano campeggiatori per lo più stranieri che andavano nudi anche in acqua e con le zanzare addosso! Dopo un po', visto che la cosa iniziava a rendere di più della vite (non siamo nel Bordeaux, nella Bourgogne o nello Champagneoo), il proprietario del podere pensò bene di andare in prefettura per chiedere il permesso per il campeggio; nella casella dei -segni particolari- fece scrivere che la gente andava tutta nuda... L'addetto al rilascio del per messo, vuoi perché non fece caso a questo segno particolare vuoi perché forse era anche lui un naturista, accolse la domanda: fatto sta che divenne il primo campeggio naturista -integrale- (senza il -minimum- string di quei tempi) permesso anche in spiaggia. Questo diede il via a numerosissimi altri permessi in Francia. All' inizio degli anni '70, il governo decise di bonificare la fascia costiera della Linguadoca (non ci sono più zanzare adesso) e inserì nel piano regolatore del litorale anche i siti naturisti. Infatti a quell' epoca erano solo i naturisti ad andare ad affrontare …....

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Per continuare a navigare su questo sito clicca sul link accetta